Tra le attività d’indagine di un’agenzia investigativa c’è quella finanziaria e cioè la ricerca, l’estrazione e l’elaborazione di dati finalizzati alla stesura di un quadro finanziario riferito ad un soggetto giuridico.
In altre parole la verifica della situazione patrimoniale di un’azienda.

Questo genere di operazione rientra nella tutela aziendale.

Effettuare un’accurata Due Diligence su quello che dovrebbe diventare un partner in affari, o solo in una commessa di lavoro, oppure un fornitore di prodotti o servizi, deve essere buona norma in ogni azienda, di qualsiasi tipo e dimensione.
Sostenere quindi una spesa, che in questo caso può sicuramente essere definita un investimento nella sicurezza aziendale al pari di un sistema antifurto, che abbia la giusta proporzione rispetto all’investimento previsto, permette di tutelare il capitale ed evitare una successiva fase di recupero del denaro investito tramite azioni legali che, oltre agli esiti incerti, avrebbero costi notevoli.

I fattori da considerare nella valutazione di un’azienda sono molteplici:

  • innanzitutto va riscontrata la regolare iscrizione al registro imprese, poi bisogna verificare l’eventuale presenza di protesti e pregiudizievoli in ultimo va analizzato il bilancio. Sul bilancio infatti sono riportati i dati per la verifica del rating aziendale;
  • Per avere un elevato grado di sicurezza va ovviamente esperita un’approfondita ricerca delle informazioni che non dovrà essere solo attuale, ma dovrà essere effettuata su base storica. Questo vi consentirà di avere una quadro più completo e preciso sulla rischiosità o affidabilità del futuro partner.

Purtroppo ad oggi le truffe sono sempre più frequenti e molto ben organizzate e la possibilità di restarne vittime è direttamente proporzionale all’entità del business.

Maggiore è il valore della commessa, maggiori saranno le possibilità di restare coinvolti in una truffa.